Il gioco può causare dipendenza. Consulta le probabilità di vincita qui o sul sito AAMS

Burraco

Burraco

Burraco: il gioco straniero adottato dall’Italia è online!

 

Il nome Burraco appartiene alla lingua portoghese: il significato della parola “buraco” è infatti “setaccio”, un nome adatto proprio alla modalità di questo gioco di carte.

Molto probabilmente, l’origine di questo gioco è molto lontana da noi: si pensa infatti che sia nato in Uruguay. Nonostante questa origine a noi così remota, Burraco è diventato all’inizio degli anni ‘80 un gioco di carte amatissimo in Italia.

È uno skill game a tutti gli effetti: l’abilità è la protagonista assoluta di questo gioco. Con l’arrivo dei giochi di carte online, il Burraco virtuale non ha tardato ad arrivare, ed è uno dei giochi più apprezzati dal pubblico del web.</p>

 

Quando un gioco diventa rito: la particolare preparazione del Burraco.

 

Nella preparazione del mazzo di carte del Burraco c’è una sorta di ritualità: non si tratta semplicemente di mischiare le carte e tagliare il mazzo. Il procedimento è più complicato e richiede una certa attenzione.

Come prima cosa, il giocatore che siede alla destra del mazziere ha il compito di smezzare il mazzo, mentre spetterà al mazziere ricomporlo, ponendo questa volta la metà del mazzo che prima nella posizione inferiore, sopra l’altra.

Dal fondo di questo nuovo mazzo, ora, verranno, una alla volta, estratte delle carte che andranno a formare due gruppetti da 11, detti “pozzetti”, che verranno posizionati uno sopra l’altro in modo incrociato. Dal resto del mazzo, invece, il mazziere prende 11 carte da distribuire ad ogni giocatore (nel Burraco solitamente gli avversari sono due, e se si gioca in più persone si formeranno delle coppie).

Verrà poi creato il Monte di scarti, o di pesca, ovvero viene posizionata una carta scoperta accanto al mazzo delle carte, a inizio gioco, quindi, il monte degli scarti è formato da quell’unica carta, mentre in seguito sarà composta da tutte le carte che verranno scartate dai giocatori.

Regole del gioco e svolgimento

 

La partita inizia con una scelta da parte di ciascun giocatore: si può scegliere se pescare una carta dal mazzo principale, o raccogliere la carta (se si tratta dell’inizio della partita) o tutte le carte dal monte degli scarti.

Dopo aver scelto la propria mossa, ha inizio la fase delle combinazioni: il giocatore dovrà trovare, per poi in seguito calare sul tavolo, una combinazione o sequenza con le carte che si ritrova.

Per combinazione si intende almeno tre carte dello stesso valore, che possono essere dello stesso seme o di seme diverso (5 di picche, cuori, fiori), mentre per sequenza si intende almeno tre carte in ordine di valore e con lo stesso seme (7, 8, 9 di picche). Ogni giocatore, dopo aver pescato o raccolto le carte e cercato di creare una sequenza o una combinazione, dovrà sempre scartare una carta.

Lo scopo di questo gioco è quello di realizzare un Burraco e chiudere la partita senza più carte in mano. Non si vince se si chiude senza aver completato un Burraco.

Cosa vuol dire fare Burraco? Si intende una combinazione o sequenza di almeno 7 carte. Ci sono tre diversi tipi di Burraco: pulito, ovvero una perfetta combinazione o sequenza di numeri; semipulito, cioè una combinazione o sequenza di 8 carte con almeno 7 di fila valore numerico, ma con anche la presenza di un jolly a completare la scala; infine sporco o impuro, ovvero una combinazione o sequenza resa tale dall’aiuto di carte jolly che vanno a sostituire le carte mancanti.